scooterdepoca.com

 
 


  
Mario Malanca inizia la sua attività imprenditoriale producendo a Bologna parti meccaniche e mozzi per ruote da motocicletta, in seguito si specializza anche nell'assemblaggio. Nel 1956 debutta con un prodotto completo, seguiranno modelli diversificati venduti su scala nazionale e internazionale. Nel 1976 esordisce con un potente bicilindrico da 125 che sarà negli anni a venire il fiore all'occhiello della casa. Col figlio Marco, che subentra nel 1978, con quel motore, sarà un susseguirsi di nuovi modelli che si distinguono per prestazioni e raffinatezze tecniche che fanno delle moto Malanca fra le più ambite dai giovanissimi.
Lo stabilimento nel 1980 si trasferisce a Pontecchio Marconi (BO) in Via Pila, ma intanto si fa avanti la crisi del settore ed è costretto a chiudere nel 1986.

In foto Mario Malanca (1919-2001).

Le schede disponibiliDocumentazione
Vispetta 1961-1962RI--SE-
Super Vis 1963-1969---SE-

Legenda:
RI Ricambi - UM Uso e Manutenzione - OF Manuale Officina
SE Schema elettrico - OM Omolog.

Ultimo aggiornamento 15/02/2020 - Credit scheda - Segnala un errore sulla scheda
Le schede sono in continuo aggiornamento - Ci riserviamo il diritto di modificare e/o correggere la scheda senza preavviso

COPYRIGHT - ESCLUSIONE DI RESPONSABILITA' E DI GARANZIA
Copyright © 1998-2020 - Tutti i diritti riservati.
Questo servizio è accessibile gratuitamente e senza garanzie di alcun genere, sia esplicite sia implicite. Noi non rispondiamo, garantiamo o prendiamo alcuna responsabilità per l'accuratezza, la correttezza, la completezza ed utilizzo delle informazioni rese. Dette informazioni sono da ritenersi puramente indicative. Chiunque legga e/o utilizzi, a qualsiasi titolo, le informazioni rese lo fa sotto la propria responsabilità ed accetta, senza esclusione alcuna, di liberare da qualsiasi responsabilità i redattori delle informative rese e/o gli amministratori del sito. Se non si accetta integralmente quanto sopra non si è autorizzati a leggere e/o utilizzare le informative rese.
I marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari.